Strange people

Standard
Lal Bagh Park

Lal Bagh Park

Saturday afternoon in the park. Families and couples walking everywhere. Trees are beautiful, some have fruits, some flowers, sometimes a mango falls down. Here and there a dog is quietly sleeping in the shade. Yet something is strange..a couple of white people!

People stared at us, especially children and teenagers. Some girls walked past us several times before finding the courage to ask for a photo. A family came directly towards us and posed, then asked it it was ok to take a photo with us. Another woman insisted to be seated between Luca and me, not beside us. We felt like a landmark or superstars. Competition was hard, as there was a statue of a monkey just opposite our bench, where a lot of people used to take photos, yet we scored some points. It was fun. A couple of girls came by saying something to Luca in a local language, then we understood they wanted him to photograph them with his camera. They didn’t ask us to send the photo, they just went away laughing.

Our cultural trainer told us that Indians are fascinated by fair skin. Maybe, if they see us several times, one day we will become like the statue of the rabbit that no one photographs any more.

Sabato pomeriggio al parco. Famiglie e coppie che passeggiano dappertutto, Gli alberi sono bellissimi, alcuni hanno frutti, altri fiori, ogni tanto cade un mango. Qua e la’ un cane dorme tranquillo all’ombra. Eppure c’e’ qualcosa di strano…due bianchi!

La gente ci guardava, soprattutto i bambini e i ragazzi. Delle ragazze sono passate e ripassate vicino a noi un po’ di volte prima di trovare il coraggio di chiedere una foto. Una famiglia e’ venuta direttamente da noi e si e’ messa in posa prima di chiederci se ci andava bene fare una foto con loro. Un’altra donna ha insistito per mettersi al centro tra me e Luca, non accanto a noi. Ci siamo sentiti come un monumento o delle superstar. C’e’ stata una certa competizione, perche’ proprio di fronte alla nostra panchina c’era una statua di una scimmia con cui molta gente faceva le foto, comunque abbiamo fatto un po’ di punti. Ci siamo divertiti. Un paio di ragazze si sono avvicinate e hanno detto qualcosa a Luca nella loro lingua, poi abbiamo capito che volevano che facesse loro una foto con la sua macchina. Non ci hanno neanche chiesto di spedire la foto, se ne sono andate via ridacchiando.

L’insegnante che ci ha fatto la preparazione culturale ci ha detto che gli Indiani sono affascinati dalla pelle chiara. Forse, se ci vedono molte volte, un giorno diventeremo come la statua del coniglio che nessuno fotografa piu’.

About Manuela

I'm a software engineer recently relocated to Bangalore, India with my wonderful husband Luca. I'm creative and active, I love sewing, cooking, walking and learning new things. Sono un ingengere informatico trasferita da poco a Bangalore, in India col mio meraviglioso marito Luca. Sono creativa e attiva, amo cucire, cucinare, camminare e imparare cose nuove.

9 responses »

  1. Manu…ti leggo da quando hai iniziato la tua avventura e mi state affascinando tantissimo…grazie dei vostri post siete un paio di occhi e orecchie affacciati su di una realta’ altrimenti difficile da immaginare nel suo quotidiano…ma avete trovato casa?

    • Non ancora, anche se ne abbiamo viste un bel pò e qualcuna ci potrebbe andare bene.. speriamo questa settimana di finire la ricerca perchè di stare in albergo e mangiare al ristorante siamo anche un pò stufi..

    • Grazie, e’ bellissimo sapere che non siamo soli in questo viaggio! Fammi sapere cosa ti interessa o incuriosisce, cosi’ indago e ti racconto!

  2. La competizione con la statua della scimmia mi ha fatto sbellicare… Ma nella zona in cui siete non sono molto abituati nemmeno ai turisti?

  3. Ciao ragazzi ,se volete vi spedisco un po’ di olio e di pasta , visto i costi. Non montatevi la testa o DEI DEL PARCO!Ciao grazie dei bellissimi report. Luca , abbiamo iniziato la produzione,

    • Ciao caro, per ora resistiamo. Ma non fare così.. sai che ad olio e pasta non si resiste tanto!!🙂 Cercheremo di non montarci la testa, ma nel frattempo, pensavo di ritornare al parco con una maglietta con qualche scritta.. la prima ‘ Non siamo turisti!! ‘ .. se non funziona.. la seconda.. ‘ 30 rupie a foto ‘ e vediamo che succede.. a Genova ci sarebbe un fuggi fuggi generale! Saluta Mefi !

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s