My Indian pantry – 2

Standard

Cleaning products

I can find both international and Indian brands in the cleaning section at the supermarket. Products are made or marketed for Indian needs, therefore they might work in a different way and what is written on the package sometimes looks unusual. Below is a photo of my laundry detergent. I doubt I will ever need to clean curry or milk tea stains but it makes me feel safer, just in case…

There are many types of soap bars for hand washing clothes; I couldn’t find Marseille soap, though. I really miss it. The soap bar I’m using now is blue. It claims to remove yellow stains but is as abrasive as sand paper and adds a blue stain that covers the yellow one, unless I rinse it immediately and abundantly, in which case only the yellow stain remains. It is in my never-buy-again list.

Dishwashers are uncommon in Indian homes and dishwasher powder is even more uncommon. We bought the only one we found it at the supermarket and later we discovered that the manufacturer can deliver it at home. In Italy, I would use some powder or a tablet and add a little bit of salt every now and then. Here, water is very hard, therefore I need:

  • a huge bag of special salt for softening water
  • detergent powder
  • rinse aid (a blue, stylish and unwholesome-looking liquid)

The dish liquid soap is my favorite. We bought a small bottle of it, manufactured by a famous international brand, while we were staying in a hotel at the beginning of the assignment. It is still not finished after almost a year and it works perfectly. I hope we find it when we go back to Italy.

 LaundryDetergent

Prodotti per la pulizia

Trovo sia marche internazionali sia indiane nella corsia dei prodotti per la pulizia al supermercato. I prodotti sono fatti o sono venduti per le necessita’ dei client indiani, percio’ possono funzionare in modo un po’ diverso e la scritta sulla confezione puo’ sembrare inusuale.
Qua sopra c’e’ una foto del mio detersivo per il bucato. Dubito che avro’ mai bisogno di rimuovere macchie di curry o te’ al latte, ma mi fa sentire un po’ piu’ sicura, non si sa mai…

Ci sono molti tipi di saponi a mano per il bucato. Non quello di Marsiglia purtroppo. Mi manca proprio. Il sapone che sto usando ora e’ blu. La confezione diceva che rimuove gli aloni gialli, ma e’ abrasive come carta vetrata e aggiunge una macchia blu che copre quella gialla, a meno che non si sciacqui subito e abbondantemente, nel qual caso rimane solo l’alone giallo. E’ nella mia lista non-comprare-MAI-piu’.

Le lavastoviglie sono poco diffuse nelle case Indiane e il detersivo per lavastoviglie ancora meno. Abbiamo comprato l’unico che abbiamo trovato al supermercato e poi abbiamo scoperto che il produttore della lavastoviglie puo’ consegnare il detersivo a casa. In Italia, userei un po’ di polvere o una pastiglia e aggiungerei un pochino di sale ogni tanto. Qui l’acqua e’ molto dura, quindi servono:

  • un grosso sacco di sale speciale per addolcire l’acqua
  • detersivo in polvere
  • aiutarisciaquo (una boccetta blu e stilosa che sembra tutt’altro che salutare)

Il detersivo liquido per piatti e’ il mio preferito. Abbiamo comprato una piccola confezione di una marca internazionale famosa quando eravamo ancora nel secondo hotel, all’inizio del nostro soggiorno in India. Non e’ ancora finite dopo quasi un anno e funziona perfettamente. Spero di trovare lo stesso tipo quando torniamo in Italia.

Speed

Standard

Many things are done slowly in India: walking, working, finishing something, watering the lawn (=transforming it into a lake)
Unexpectedly, other things are done very fast: talking, going up and down the stairs, eating.

I do them exactly the opposite way. Sometimes I feel I’m not as Indian as I like to think.


Molte cose si fanno lentamente in India: camminare, lavorare, finire qualcosa, innaffiare il prato (=trasformarlo in un lago)Inaspettatamente, altre cose si fanno molto velocemente: parlare, fare le scale, mangiare.

Io le faccio esattamente al contrario. A volte credo di non essere poi cosi’ indiana come mi piace pensare.

Weekend in Goa

Standard

Three weeks ago we spent four days in Goa, one of the smallest states of India, situated on the west coast. It is a place reachable in one hour by plane from Bangalore, so it is simple to go for few days and enjoy. They are very tourists-oriented. At the airport we simply booked a cab for the hotel, 40 km north from the airport. Many hotels are normally on the beach or just behind, so we could go to the beach every day with a pleasant and short stroll.
The regular day was: alarm at 7 am, two-three hours near the sea, breakfast and then touristic tours. Some time on the beach before the sunset, Indian-style dinner at the restaurant, relax. Sunbeams, sea, mango juice. We didn’t need more than that.

Sunset in Calangute beach

Sunset in Calangute beach


* We found many Indian couples on honeymoon and we learned that they can be easily recognized, because the lady wears about 15 to 20 cm of sparkly red bangles on both arms and they take photos all the time. There was a young couple at our hotel, who told us they came from the North of India. They looked as if they had never travelled all their life. They didn’t understand the menu and ate as if they had never been in a restaurant before, but they looked very sweet together, helping each other to eat. The first evening they were well dressed and sat at all free tables, asking the waiter to take photos. Then, they sat at all occupied tables with guests they didn’t know, to take photos with them as well. When it was our turn, the husband insisted that I should put my arm around his wife’s shoulders. He was very particular about it. The following evening, they appeared again, almost in night pajama, with a dejected expression. The husband showed me a collage of photos he took on the beach that day and told me he had lost a heavy gold chain that his mother in law had given him. These gold chains are huge, much beyond the limits of price and good taste. His mother in law might have saved for years and years to buy it. I wonder whether he is still alive.

Another big category of tourists in Goa are Russians. Many menus are written in English and Russian. There are Russian dishes available in restaurants and many many drinks. Our taxi driver told us that Russians are generally not liked in Goa, but they bring a lot of money, so they are tolerated. Drinking alcohol is seen very badly in India, it is accepted in Goa, but these tourists drink all the time, get drunk and sometimes violent. Some don’t pay the taxi and are too big to discuss with. They walk in the streets without clothes. If you consider that most Indians take a bath in the sea completely dressed, people wearing only a swimming suit in the village are really out of place.


 

We rented a car with a driver and we visited some places. First of all the capital city, Panjim. Fate decided to put in the same town, at the same time, also Andy, a Korean friend I got acquainted in Bangalore. We passed a pleasant lunch time with him and two Korean colleagues of his, immersed in pizza and spaghetti. That Portuguese town is very nice, full of coloured houses, narrow streets, gardens and the sea.

P1060962
Then Old Goa, where it is possible to find some christian churches, like the church of Saint Francis of Assisi.
And Fort Aguada, a well-preserved seventeenth-century Portuguese fort overlooking the Arabian Sea.
We spent one entire afternoon to visit a spice plantation, pleasant lunch and guided tour included, to see all the plants from which Indian (and not only Indian) spices are obtained. Finally we saw also the ananas plant, I’ve never imagined like that.
Breakfast on the beach, Russian people, stray dogs, tiny crabs on the shore just after the dawn. This is Goa.
Two nice episodes.
The first, an Indian friend strongly recommended to try a typical alcoholic drink of Goa, called Fenny, made from cashew nuts or coconut. When they gave to me at the restaurant, I discovered that the strange and mysterious drink was not more than… grappa!
The second, scamming trial. When we arrived in Benaulim, south Goa, we stopped to a bar to drink something before reaching the hotel. We were near the hotel but we didn’t know exactly where it was, so we asked to a rickshaw’s driver the price from there to the hotel. When he spat it out, the barman turned pale saying in the local language “Are you crazy?”. A clear, understandable, expression.  Ten times the normal price for 1 km. He kindly asked to me “ok?”. I kindly replayed “no, thanks, we go on foot”. “Why?”. “Because I know the real price, we live in Bangalore, not on the moon”. Check.

MG Road

 

Tre settimane fa abbiamo passato quattro giorni a Goa, uno dei più piccoli stati dell’India, situato sulla costa ovest. E’ un posto raggiungibile in un’ora di aereo da Bangalore, quindi è molto semplice andarci per qualche giorno e divertirsi. Là sono molto orientati al turismo. All’aeroporto abbiamo preso semplicemente un taxi per l’hotel, 40 km a nord dall’aeroporto. Molti hotel sono sulla spiaggia normalmente o appena alle spalle, quindi potevamo andare in spiaggia tutti i giorni facendo una breve, piacevole passeggiata.
Il giorno classico era: sveglia alle 7, due – tre ore vicino al mare, colazione e poi giretti turistici. Un pò in spiaggia prima del tramonto, cena in stile indiano al ristorante dell’albergo, relax. Raggi di sole, mare, succo di mango, Non avevamo bisogno di molto altro.


* Abbiamo trovato molte coppie indiane in luna di miele e abbiamo capito che si possono riconoscere facilmente, perche’ la moglie indissa circa 15-20 cm di braccialetti rossi sparluccicosi su entrambe le braccia e non smettono un attimo di fare foto. C’era una coppia di sposi giovanissimi nel nostro hotel, che venivano dal nord dell’India. Sembrava che non avessero mai viaggiato in vita loro. Non capivano il menu e mangiavano come se non fossero mai stati in un ristorante, ma erano molto teneri insieme mentre si aiutavano a mangiare a vicenda. La prima sera erano ben vestiti e si sono seduti a tutti i tavoli liberi, chiedendo al malcapitato cameriere di fare loro innumerevoli foto. Poi hanno cominciato a sedersi anche a tutti i tavoli occupati, per fare foto anche con gli ospiti, che ovviamente non conoscevano. Quando e’ stato il nostro turno, il marito ha insistito che mettessi il braccio attorno alle spalle della moglie. Ci teneva proprio. La sera dopo, sono riapparsi, quasi in pigiama, con l’aria abbattuta. Il marito ci ha mostrato un collage di foto fatte in spiaggia quel giorno e ha detto che aveva perso in mare una grossa catena d’oro che la suocera gli aveva regalato. Queste collane d’oro sono enormi, molto oltre i limiti del prezzo e del buon gusto. Sua suocera avra’ risparmiato anni e anni per comprarla. Mi chiedo se sia ancora vivo.

Un’altra grossa categoria di turisti a Goa sono i Russi. Molti menu nei ristoranti sono scritti in inglese e russo. Ci sono piatti russi nei menu e molti molti alcolici. Il nostro tassista ci ha detto che i russi non piacciono molto agli abitanti di Goa, ma portano tanti soldi, quindi sono tollerati. Bere alcolici e’ visto molto male in India, e’ accettato a Goa, ma questi turisti bevono tutto il giorno, si ubriacano e a volte diventano violenti. Certi non pagano il taxi e sono troppo grossi per discuterci. Vanno per strada senza vestiti e, se si considera che buona parte degli indiani fanno il bagno completamente vestiti, gente che va in giro per i villaggi solo in costume e’ proprio fuori posto.


 Affittata una macchina con autista, abbiamo visitato alcuni posti. Prima di tutto la capitale, Panjim. Il destino ha voluto mettere nella stessa città, allo stesso tempo, anche Andy, un amico coreano conosciuto a Bangalore. Abbiamo passato un pranzo molto piacevole con lui e due suoi colleghi, sommersi da pizza e spaghetti. Quella cittadina portoghese è molto carina, piena di case colorate, stradine, giardini ed il mare.
Quindi la Vecchia Goa, dove è possibile trovare alcune chiese cristiane, come quella di San Francesco di Assisi.
E Forte Aguada, forte portoghese del diciassettesimo secolo, ben conservato, che affaccia sul Mare Arabico.
Abbiamo passsato un intero pomeriggio a visitare una piantagione di spezie, con piacevole pranzo e visita guidata inclusi, per vedere tutte le piante da cui si ricavano le spezie indiane (e non solo indiane). Finalmente abbiamo visto anche la pianta dell’ananas, non avrei mai immaginato fosse così.
Colazione sulla spiaggia, turisti russi, cani randagi, minuscoli granchi sul bagnasciuga appena dopo l’alba. Questo è Goa.
Due episodi simpatici.
Il primo, un amico indiano si è caldamente raccomandato di assaggiare una bevanda alcolica tipica di Goa, chiamata Fenny, ottenuta dagli anacardi o dal cocco. Quando me l’hanno portata al ristorante, ho scoperto che questa strana e misteriosa bevanda non era altro che… grappa!
La seconda, il tentativo di truffa. Quando siamo arrivati a Benaulim, sud Goa, ci siamo fermati in un bar a bere qualcosa prima di arrivare all’hotel. Eravamo vicini anche se non sapevamo esattamente dove fosse, così abbiamo chiesto ad un autista di risciò il prezzo per andare da là all’hotel. Quando ha sputato il prezzo, il barman è impallidito e ha esclamato nella lingua locale “ma sei matto?”. Una espressione chiara, capito al volo. Dieci volte il prezzo normale per fare 1 km. Mi ha chiesto sorridente “ok?”. Io ho risposto sorridente “no, grazie, andiamo a piedi”. “Perchè?”. “Perchè conosco il prezzo vero, abitiamo a Bangalore, mica sulla luna”. Scacco.


* Added by Manuela/Aggiunto da Manuela

Architects – 3

Standard

I had another interview.
During the last meeting I had with a local architect, I discovered some news. Every time the picture of the situation becomes clearer.
Apparently to be an architect in India seems not to be so simple and satisfying. For me it is a strange statement, here all is under construction and every time contractors race with the others to build the most modern, beautiful and stylish compound or mall in town. On the streets there are a lot of posters: “Inspired by the architecture and lifestyles of the sunny Mediterranean” or “designed by american architect XY” so I thought that there was a big interest about architecture and architects. Wrong. Research says that in India only 5-6% of buildings are built by architects. Why? Because it is not needed to call a technical figure to build a construction. You can do all by yourself, if you want, and normally they do this way. This is valid not only for houses, but also skyscrapers, malls, hospitals, etc, no duties, private people ask for permission and it’s done. So architects work with clients that want something special or that feel that it is better to have a professional partner during the construction, to avoid problems. Now I can understand a lot of things. Of course, It seemed impossible to me that the modern indian architectural style has been so similar to the style “cubes-with-holes” used in Italy during the Sixties.
But, how many professional architects are present in India? Officially 37 thousand, from the Council of Architects of India. 37 thousand, on a population of 1 billion and three hundred millions, it means one architect every more than 35 thousand people, it is like looking for a needle in a haystack. Almost 4 thousand are in Bangalore, on a population of 9 millions, a big crowding.
Which type of career has an architect in India? Normally, students matriculate at the university for a Bachelor degree in Architecture. After that, they have a lot of choices for the Master’s degree, branches like Business Administration and Building Management included. After the obligatory internship, they are directly enrolled in the National Council of Indian Architects. Some people choose to work for big firms, others to open their own office, as in Italy.
Go straight to the point. How much they earn as employees? A normal salary here is between 1 lakh and 10 lakhs / year, proportionally to the experience and the role they have to assume. The average for an architect with the years of experience that I have is between 2 lakhs and 7 lakhs, that means between 2400€ and 8300€ / year.
This statement doesn’t put the architect among the best professions to choose for a graduate. I have already heard this story…
That’s why a lot of little private offices are spreading all over the town, all the architects want to find their own customers to gain more money and to cut out for themselves a place on the Mount Olympus. Clearly all those offices can’t provide me easily a salary to work in India, considering that I need a minimum salary that is greatly out of the normal market. I need to be ‘out of the ordinary’. That’s the challenge here, for me.
From outside the second office I visited could be easily confused with a warehouse. Offices here are always on the first floor, so this time I needed to climb a very tiny staircase, those that not rarely you can face inside the oldest buildings in Genova. The door was open as usual, and inside I found a very nice interior, places were divided with huge structural glasses apparently without structures.
We spoke for two hours, I will see if there are possibilities. But the environment was really nice and the person pleasant. The colleague got graduated in 2002, so after twelve years today he has a studio with seven people as employees or internship, and one partner, a former schoolmate.
I’m very happy of these experiences, because I’m discovering a new world, a new approach.
To be continued…

Ho fatto un altro colloquio.
Durante l’ultimo incontro che ho avuto con un architetto del posto, ho scoperto altre novità. Piano piano il quadro della situazione diventa sempre più chiaro.
Apparentemente essere architetti qui non sembra essere così facile e soddisfacente. Per me questa affermazione suona strana, tutto è in contruzione ed ogni volta gli imprenditori fanno a gara tra loro per costuire il quartiere o centro commerciale più moderno, stiloso e bello della città. Per strada si trovano un sacco di cartelloni pubblicitari “Ispirato dalla architettura e dallo stile di vita del soleggiato Mediterraneo” o ” progettato dall’architetto americano XY”, quindi la mia idea era di un grande interesse per gli architetti e l’architettura. Sbagliato. Le ricerche dicono che solo il 5-6% degli edifici è progettato e costruito da architetti. Perchè? Perchè in India non è necessario chiamare un tecnico per costruire un edificio. Si può fare tutto da soli se si vuole, ed è quello che fanno quasi sempre. Questo è valido non solo per le case ma anche per grattacieli, centri commerciali, ospedali, ecc, nessun obbligo, un privato chiede l’autorizzazione e via. Quindi gli architetti lavorano con i clienti che vogliono qualcosa di speciale o che sentono che sia meglio avere un partner tecnico durante la costruzione, per evitare problemi. Ora capisco un sacco di cose. Certo, mi sembrava infatti impossibile che lo stile architettonico moderno indiano fosse così simile allo stile “cubo con buchi” dell’Italia degli anni ’60.
Ma quanti architetti ci sono in India? Ufficialmente 37 mila, dati del Consiglio Nazionale. 37 mila su una popolazione di un miliardo e trecento milioni di abitanti, vuol dire un architetto ogni più di 35 mila persone, è come trovare un ago in un pagliaio. Quasi 4 mila solo a Bangalore su una popolazione di 9 milioni, una concentrazione pazzesca.
Ma che tipo di carriera fa un architetto qui? Normalmente gli studenti si iscrivono all’Università per la triennale. Dopo quella, hanno un sacco di scelte per la specialistica, compresi i rami di Business Administration e Building Management. Dopo il tirocinio obbligatorio sono automaticamente iscritti al Consiglio Nazionale degli Architetti. Molte persone scelgono di lavorare per grosse aziende, molti altri di aprire il proprio studio professionale, un pò come in Italia.
Andiamo ora dritti al punto. Quanto guadagnano come impiegati? Un salario normale qui è compreso tra 1 lakh e 10 lakhs all’anno, proporzionalmente all’esperienza e al ruolo ricoperto. La media per un architetto con gli anni di esperienza che ho io si aggira tra i 2 lakhs e i 7 lakhs, che vuol dire tra i 2400€ ed i 8300€ all’anno.

Questo non colloca l’architetto tra le migliori professioni da scegliere per un laureato qui. Questa storia mi sembra di averla già sentita..
Ecco perchè un sacco di piccoli uffici si stanno spargendo in città, un sacco di architetti tentano di avere i propri clienti per guadagnare di più e ritagliarsi un posto sull’Olimpo. Chiaramente tutti questi piccoli uffici non possono fornirmi facilmente il salario utile a lavorare in India, contando che ho bisogno di un salario minimo che è abbondantemente fuori mercato. Quindi devo essere ‘fuori dall’ordinario’. Questa è la sfida per me, qui.
Da fuori il secondo ufficio che ho visitato poteva essere tranquillamente scambiato e confuso per un magazzino. Gli uffici qui sono spesso al primo piano quindi questa volta ho dovuto scalare una microscopica scala, di quelle che spesso si incontrano dentro gli edifici più vecchi a Genova. La porta era aperta, come al solito e l’interno era molto carino, gli spazi erano divisi tra loro da enormi vetri strutturali apparentemente senza sostegni.
Abbiamo parlato per un paio d’ore, vedremo se ci sono possibilità. Ma l’ambiente era veramente simpatico e la persona piacevole. Questo collega si è laureato nel 2002, quindi dopo una dozzina di anni oggi ha uno studio con 7 persone tra impiegati e stagisti ed un socio, una compagna di facoltà.
Sono molto contento di aver fatto questa esperienza, sto scoprendo nuovi approcci, un nuovo mondo.
Continua…

Architects – 2

Standard

After the Italian vacation, time has flown away.
During this month after the last post, many things happened (as usual), also related to architecture.
Through another Italian friend, I met two Indian architects, co-founders of a Design Lab near the city centre. Their core business is teaching to people who want to apply for a College of Architecture and Design.
Let’s take a step back. I understood that colleges of Architecture and Design make selections for students, and this selection is made of two steps. So, if the student passes the first step ( a written/oral test, I did the selection test in Genova too, in 1996), he has to face the second step, the presentation of a portfolio of previous works. What a selection! Since colleges are private, the investment for a student is very high, so a lot of people ask for a help to apply and to build the portfolio.
The studio is very simple, but nice. White rooms, tables and a lot of beautiful drawings on the walls. The entrance door is always open when someone is inside, as usual in India. Apart from the co-founders, there are also an assistant, an HR manager and a designer who works mainly for online training. It’s a good place to spend some spare time, they are very friendly and curious about me and Italy. Next week the team will grow due to the addition of another Indian architect, the founders said that the Design Lab is growing.. they will open two new branches in India. Clearly the business works.
Two weeks ago I started sending CV to some selected contacts. One of them replied to me after two hours. Two hours! I was stunned, normally in Italy they don’t reply for ages.. better, they refuse to answer as if you have sent a bomb. He said that he gladly would have spoken to me even if there were no remarkable jobs in progress. We met two days after in his office, a medium-size studio owned by a tall and elegant (and bald) architect, the equatorial Norman Foster.
After some small talk about his life and works, he tried to express the philosophy of the studio: he worked a lot of years as a Brand Designer in USA and India, so now, when a client turns to him it is because he wants something special. They don’t do buildings, they turn dreams into reality. Then he explained better, in a right way: big clients in India generally trust to international companies, so if you want to match against them, you have to do something fabulous, to fight against prejudices.
The most common projects in India now are private housing estate, malls and hospitality. “Have you ever worked on high buildings? How many levels? How many cubic meters? Are you specialized in hospitality buildings?”, questions as bullets. Here, below fiftheen floors you are nothing, the developer’s paradise. Hey mate, in Italy an architect who can add a seven square meters’ room on a villa, illegally closing a balcony without receiving a complaint, is an archistar.
He said that we could have worked together on a project related to a competition for a new hotel situated in a coastal town near Bangalore, three paid weeks for a stunning idea. A four floors’ hotel for a big hotel chain, the right mix between the French-colonial style of that town and something ‘artistic’, like a famous painting. They just started working on it, so I could have joined the team, working with one Indian architect, one Indian designer and one Colombian student. The fabulous four. After that.. who knows? O-K. It is not the type of job I was searching for, and I’m not allowed to work in India this way, I’m so sorry.
The quest goes on…

Dopo le vacanze italiane il tempo è volato.
Nel mese dopo l’ultimo post, tante cose sono successe (come al solito), anche relative all’architettura.
Grazie ad un’amica italiana, ho incontrato due architetti indiani, co-fondatori di un Design Lab vicino al centro città. Il loro business principale è insegnare ai ragazzi che vogliono iscriversi all’università di Architettura e Design.
Facciamo un passo indietro. Ho saputo che qui le facoltà di Architettura e Design fanno le selezioni per gli studenti, e questa consta di due livelli. Quindi, se lo studente passa la prima selezione (un esame scritto e orale, ho fatto anche io l’esame di ammissione a Genova, nel 1996) deve affrontare la seconda prova, la presentazione di un portfolio di lavori svolti. Che selezione! Siccome le facoltà sono private, la spesa per lo studente è molto alta, quindi un sacco di persone cercano aiuto per l’iscrizione e per il portfolio.
Lo studio è molto semplice ma carino. Stanze bianche, tavoli ed un sacco di disegni appesi ai muri. La porta di ingresso è sempre aperta quando c’è qualcuno dentro, come normale in India. A parte i fondatori, c’è anche un assistente, un manager delle risorse umane e un designer che lavora principalmente nel training online. E’ un buon posto per passare un pò di tempo libero, sono molto amichevoli e curiosi su di me e sull’Italia. La prossima settimana il gruppo si amplia grazie all’arrivo di un’altra collega architetto indiana, i capi mi hanno detto che il Design Lab si sta ingrandendo.. apriranno altre due sedi in India. Chiaramente gli affari vanno bene.
Due settimane fa ho incominciato a mandare CV a contatti selezionati. Uno di questi mi ha risposto dopo due ore. Due ore! Ero colpito, normalmente in Italia non ti rispondono per secoli.. o meglio, rifiutano di risponderti come se avessi mandato loro una bomba. Mi ha detto che avrebbe parlato molto volentieri con me anche se non c’erano in corso progetti degni di nota. Ci siamo incontrati due giorni dopo nel suo studio, un ufficio di media grandezza diretto da un alto ed elegante (e pelato) architetto indiano, il Norman Foster dell’equatore.
Dopo qualche chiacchera sulla sua vita e sui lavori svolti, ha provato a farmi capire la filosofia dello studio: ha lavorato molti anni come Brand Designer negli USA e in India, quindi ora quando un cliente sceglie lui è perchè vuole qualcosa di speciale. Quindi loro non costruiscono edifici, loro trasformano i sogni in realtà. Poi mi ha spiegato meglio, in modo migliore: i grossi clienti in India generalmente si fidano delle aziende internazionali, quindi se vuoi confrontarti devi fare cose favolose, per combattere contro i pregiudizi dei clienti.
I progetti più comuni in India oggi riguardano i complessi immobiliari, centri commerciali e hotel. “Hai mai costruito edifici alti? Quanti piani? Quanti metri cubi? Sei specializzato negli edifici per l’ospitalità?”, domande a proiettile. Qui, sotto i quindici piani non sei nessuno, il paradiso del costruttore. Ehi amico, in Italia un architetto che riesce ad aggiungere una stanza di sette mq in una villa, chiudendo abusivamente un balcone, senza beccarsi una denuncia è un archistar.
Mi ha detto che avremmo potuto lavorare insieme su un progetto relativo ad un concorso per un nuovo hotel situato in una città costiera vicino Bangalore, tre settimane pagate per un’idea sbalorditiva. Un hotel di quattro piani per una grande catena alberghiera, il giusto mix tra lo stile coloniale francese di quella città e qualcosa di ‘artistico’, ad esempio un dipinto famoso. Hanno appena incominciato a lavorarci, quindi avrei facilmente potuto unirmi al gruppo, lavorando con un architetto indiano, un designer indiano ed uno studente colombiano. I fantastici quattro. Dopo di quello.. chi lo sa? O-K. Non è il tipo di lavoro che stavo cercando, e tra l’altro non sono autorizzato a lavorare in India a quel modo, mi dispiace tanto.
La ricerca continua..   

My Indian pantry

Standard

Luca and I love cooking together. It was not easy to find a house where two people can stay comfortably in the kitchen and where the kitchen does not look like a gloomy dungeon. Here, most people have a cook and the cook cannot complain.
Living in India, of course, had an impact on the food we eat and on the ingredients we can find.

Luca e io amiamo cucinare insieme. Non e’ stato facile trovare una casa in cui due persone possano stare comodamente in cucina e in cui la cucina non assomigli a un orrido sotterraneo. Qui quasi tutti hanno la cuoca e la cuoca non si puo’ lamentare.
Vivere in India, naturalmente, ha avuto un impatto su quello che mangiamo e sugli ingredienti che possiamo trovare.

Flour/Farina

I miss the flour I could find in Italy! Here there are several types of flour, but not the ones I need to bake bread. Regardless of my lifelong experience in baking bread at home, the only thing I can produce is an organic brick that smells of yeast. No wonder Indians make flatbread…they know better.

Atta: Whole flour made of durum wheat. It looks a bit like sand, it would be lovely mixed with my beloved 00 flour but there is nothing to mix it with :(
Maida: Refined flour, bleached with chemicals so horrible that it’s prohibited even in China. It is white and could be used to bake bread and sweets, but it’s not going to enter my pantry.
Rice flour: Very easy to find, it’s like the one we find in Italy, but much cheaper.
Corn flour: very difficult to find…when I can get my hands on it, my menu will be…POLENTA!!!
Besan: Chickpea flour (or gram flour), excellent and very cheap, I use it often to make veg balls or vegan frittata. One day, I could dare to make farinata…
Atta

Mi manca la farina che trovavo in Italia! Qui ci sono tanti tipi di farina, ma non quella che serve per fare il pane. Anche se ho fatto il pane in casa per una vita, l’unica cosa che riesco a produrre qui e’ un mattone biologico che puzza di lievito. Non mi sorprende che gli Indiani facciano il pane piatto, la sanno lunga.

Atta: Farina integrale di grano duro. Assomiglia un po’ alla sabbia, sarebbe buonissima mescolata alla mia adorata farina 00, ma non c’e’ niente con cui mescolarla :(
Maida: Farina raffinata, sbiancata con prodotti chimici cosi’ orripilanti che e’ proibita perfino in Cina. E’ bianca e potrebbe essere usta per fare pane e dolci, ma non ho intenzione di farla entrare nella mia dispensa.
Farina di riso: Molto facile da trovare, e’ come quella che esiste in Italia, ma molto meno cara.
Farina di mais: molto difficile da trovare, ma quando riesco ad acchiapparla…POLENTA!!!
Besan: Farina di ceci, molto buona e costa pochissimo, la uso spesso per fare polpette di verdure o frittate vegane. Un giorno, potrei tentare di fare la farinata…

Dairy Products/Latticini

Milk is usually found in 0.5 l packs. I think the reason for this might be that many families do not have a fridge, so milk should be consumed immediately. In general, food is prepared and eaten in a short time. For instance, it is not common to prepare the office lunch pack the evening before, like I do (I have a fridge, of course).

milk

Il latte di solito si trova in pacchetti da mezzo litro. Penso che la ragione sia il fatto che tante famiglie non hanno il frigo, quindi il latte deve essere consumato immediatamente. In generale, in cibo e’ preparato e mangiato entro poco tempo. Per esempio, non e’ affatto comune prepararsi il pranzo per l’ufficio la sera prima come faccio io (io ovviamente ho il frigo).

The only cheese we use here is a fresh cottage cheese named “paneer“. It has a very mild taste of milk and is used in many Indian recipes. It is a bit like primosale or feta. We like it very much and we eat it often as a starter. My Indian friends who live in Italy use ricotta as a substitute for paneer…but we could not use paneer as a substitute for ricotta.

021614_0649_MyIndianpan3.jpg

L’unico formaggio che usiamo qui e’ un formaggio fresco che si chiama “paneer“. Ha un sapore di latte delicato ed e’ usato in molte ricette indiane. Assomiglia un po’ al primosale o alla feta. Ci piace molto e lo mangiamo spesso come antipasto. I nostri amici indiani che vivono in Italia, usano la ricotta come sostituto del paneer…ma non potremmo usare il paneer come sostituto della ricotta.

Yoghurt is used a lot in India, most families make it at home. It is used in many recipes and also mixed with extra spicy food while eating, to make it less hot. I sometimes make it at home like a good Indian housewife, but most of the times I buy it.
Dahi

Lo yogurt e’ usato moltissimo in India, buona parte delle famiglie lo fa a casa. Si usa in molte ricette e si mescola al cibo speziato mentre si mangia, per renderlo meno piccante. A volte lo faccio a casa come una brava massaia indiana, ma il piu’ delle volte lo compro.


Italian moments

Standard

After more than seven months, we came back to Italy for a long holiday. The day before taking the flight was my birthday, that I passed for the first time in my life with the tropical sun and remembered with a picture taken on our terrace in India. After a not so confortable journey of about 24 hours, we arrived in Genova. I thought that all would seem different, but the sensation was of a short absence. The only sensible difference was the weather, just about twenty degrees less than what we used to have until the day before. We stayed more than two weeks in Genova, spent with walks in the city centre, friends, abundance of food, serenity. Despite of Christmas holidays, we felt to walk in a desert and I tried again the pleasure to take a bus without being squashed like a tuna fish in the small box. Silence, to walk on the streets without checking continuosly where you are walking. Parents, Christmas with your own family, smiles, hugs. Now we are in Rovigo, and we will stay here for two weeks before coming back to India. Food is still plentiful, strolls less habitual due to the biting cold. Days pass in full relax and we are waiting for other pleasant meetings with friends. We closed a chapter and when we will come back another one will be opened. The long pause forestalls new pages. The sensation is always to have done the best choice. I will come back to India with new ideas, new forces, new energy. Life has changed and this was the first goal. We will see.

Dopo piu’ di 7 mesi siamo tornati in Italia per una lunga vacanza. Il giorno prima di prendere l’aereo era il mio compleanno, che per la prima volta nella mia vita ho festeggiato al sole dei tropici e ricordato con una fotografia fatta sulla terrazza della casa in India.  Dopo un viaggio poco comodo durato quasi 24 ore, siamo tornati a Genova. Pensavo che tanto fosse cambiato, invece la sensazione e’ stata quella di una breve assenza. L’unica sensibile differenza e’ stata il clima, appena una ventina di gradi meno di quello a cui eravamo abituati fino al giorno prima. Siamo stati piu’ di due settimane a Genova, passate tra passeggiate in centro e visite agli amici, abbondante cibo, tranquillita’. Nonostante il periodo natalizio, ci sembrava di passeggiare in un posto deserto, e ho riassaporato il piacere di prendere un autobus senza venir schiacciato come il tonno nella scatoletta. Il silenzio, ed il camminare per strada senza dover continuamente controllare dove metti i piedi. I genitori, il Natale in famiglia, i sorrisi, gli abbracci. Ora siamo a Rovigo, e staremo qui per circa due settimane prima di ritornare in India. Il cibo continua ad essere abbondante, le passeggiate meno frequenti visto il freddo pungente. Le giornate passano in pieno relax e si prospettano altri incontri piacevoli. Si e’ chiuso un capitolo e al nostro ritorno se ne aprira’ un altro, la lunga pausa prelude a pagine nuove. La sensazione e’ sempre quella di aver fatto una ottima scelta. Tornero’ in India con nuove idee, nuove forze, nuova energia. La vita e’ cambiata e questo era il primo obiettivo. Vedremo.