Guess who’s coming to dinner (and lunch) – 1

Standard

The best topic to discuss with friends and relatives: what do you eat in India?
India is a huge sub-continent that goes from the Tropic line to Himalaya, so we can find everything! At the supermarket we have fruits and vegetables that we already knew, but also food of the Tropical climate. So, with tomatoes, potatoes, broccoli and peppers, we have pineapple, lime, watermelon, muskmelon, coconut, papaya, mango.
Style changes from State to State, but the classic indian diet mainly includes rice, beans, milk and dairy products, vegetables and grains.
The richness of ingredients, preparations and different spices is so big that it’s almost impossible to eat the same recipe twice and it is very difficult to give a list.
But what are the typical dishes? For the breakfast normally the choice is between “idli” and “dosa”. “Idli” is made of fermented lentils and rice flour. All is cooked with steam in a particular tool that gives a shape of a smooth and white little cake, to eat with dressings. “Dosa” is a crépe made of lentils or chickpeas flour, cooked only on one side and bent as a triangle, sometimes with spices, potatoes, green peas and vegetables inside (and it becomes Masala Dosa). Also this one has to be eaten with dressings.
The main indian course has: plain basmati rice, different types of bread and dressings, all together in a steel plate with different parts, so not to mix the food.
For dinner, Indians eat some different types of bread with a main course made of vegetables and beans, richer and elaborate. That’s it, in general.
And for the details? We can choose many different types of bread: Papadum or Papad (thin and crunchy, normally fried, it is made of soy flour, but also green peas, lentils and rice flour), Roti (flat, made of whole wheat and griddled), Chapati (smaller and sometimes made of lentils, corn or millet flour), Paratha (with butter or oil), Naan (made of flour and milk, or yoghurt to make it softer), Puri (sometimes with yeast, it is fried and it has a particular shape, as it blows up to become a ball). All these types can be ‘plain’ but they can also be mixed with butter, onions, potatoes, garlic or they can be filled as “Pani Puri” (normally with green peas and potatoes’ cream).
To be continued…

L’argomento più caro ad amici e parenti: cosa mangiate in India?
L’India è un enorme subcontinente che va dai tropici alle montagne himalayane, quindi si trova tutto! Al supermercato troviamo la frutta e la verdura che conoscevamo già, ma anche alimenti più tipici dei climi tropicali. Quindi a fianco di pomodori, patate, broccoli, peperoni si trovano ananas, lime, angurie, meloni, cocco, papaya, mango.
Lo stile culinario cambia fondamentalmente da stato a stato, ma la dieta classica indiana è composta principalmente da riso, legumi, latte e derivati, verdure, cereali. La ricchezza di ingredienti, preparazioni e spezie è tale che è quasi impossibile mangiare la stessa cosa due volte ed è molto difficile fare un elenco.
Ma quali sono i piatti tipici? A colazione generalmente si sceglie tra ‘idli’ e ‘dosa’. ‘Idli’ è fatto facendo fermentare le lenticchie e aggiungendo farina di riso. Il tutto è poi cotto a vapore in stampi che gli danno la forma di una tortina morbida e bianca, che si accompagna ai condimenti. ‘Dosa’ è invece una crépe a base di farina di lenticchie o di ceci, cotta solo da un lato e ripiegata a formare un triangolo, a volte ripiena di verdure speziate, patate, piselli (e diventa Masala Dosa). Anch’essa accompagna i condimenti.
Il pranzo locale consta di un piatto unico: riso basmati bianco, pane di diversi tipi e condimenti, il tutto posizionato in un vassoio metallico con scomparti, in modo da non mescolare i vari gusti.
La cena di solito prevede diversi tipi di pane, da accompagnare ad una pietanza a base di verdure e legumi più elaborata e ricca. Questo in generale.
Ed in dettaglio? Beh, per accompagnare le pietanze si possono scegliere vari tipi di pane, tra cui il Papadum o Papad (sottile e croccante, generalmente fritto, viene fatto con farina di soia, ma anche piselli, lenticchie, riso), Roti (non lievitato, cotto su piastra, di farina integrale), Chapati (più piccolo e a volte fatto con farine di miglio, mais, lenticchie), Paratha (con burro o olio), Naan (farina e latte, o yoghurt per renderlo più soffice), Puri (a volte lievitato, è fritto ed ha una forma particolare, visto che gonfia sensibilmente fino a diventare una palla). Tutti questi possono essere ‘plain’ oppure avere nell’impasto anche burro, cipolle, patate, aglio, o essere ripieni, come il Pani Puri (solitamente con una crema di piselli e patate).
Continua…

Traffic

Standard

Living in India is nice in many ways, but there are also some ‘heavy to swallow’ things. One of these is traffic.
The Italian driving license here is not valid, they drive on the left and the traffic is really crazy. “Safety first”, so we have a private driver.. when we have discovered the fact, it seemed to be not true. What the hell is that? We could not imagine.
What can you find on the roads? An incomplete list includes: cars (“four wheeler”), rickshaws (“three wheeler”), bikes (“two wheeler”), trucks, buses, carts, bicycles, tractors, dogs, cows, people. You can’t believe it till you see them.
Every morning we start the journey without knowing what could happen. The town has changed, enlarging in a short time, so infrastructures are not sufficient for the huge amount of buildings and people condensed here. This was a small rural town and the atmosphere remained the same, even if there are almost nine millions of inhabitants and all the multinational companies have branches here. Many people are still not used to managing the city traffic, some of them don’t have really the ability to drive in the traffic and all types of vehicles are used. Rules exist, but they seem to be  suggestions instead of  real duties. Stop, priorities, traffic lights… a dream. Wrong way? Frequently it is normal, especially if a very long queue is present and you want to go home rapidly.  Sometimes a vehicle breaks down, and they abandon it on the road waiting for a help, so it becomes a obstacle for others.
If you drive on a tree-lined road or a secondary street, it is very simple to find cows. They are holy but  also walking private properties, so people don’t take the liberty to touch them; if you have one of them in front of you (or on the wrong way), the only way is to wait for a movement or to try changing the lane, and the horn normally is useless.
The horn! Indians use it without mercy, it is the way to communicate when they drive. I’m overtaking you, pay attention! Biiip! Get you out of the way! Biiip! Gimme priority! Biiip! Let’s move, it’s your turn! Biiip! Don’t cross the road! Biiip! I must turn! Biiip! It’s clear for you! Biiip! And so on. It is so used that they paint the back of trucks and other vehicles with words like “Sound Horn OK” or “Horn Please OK”. Together with “Hand signal”, they are the most important signals in traffic. When it is needed, the driver puts outside the hand, pointing out the right turn. If he has to turn left, he uses the hand of the passenger. If there is no passenger, it’s a problem. All the vehicles with AC, like expats’ cars and Volvo buses, cannot use that type of signal, so they have a sticker with “No hand signal – AC vehicle”, that specifies to others to pay attention on turn signals.
Roads are often not in a good state. The town is an open construction field, so you can find interruptions, holes, dirt patches, big stones, etc. The traffic suffers from that and many vehicles try to avoid problems by doing strange paths on the streets. Tyres and suspensions are very happy and there is a prosperous business, the tyre specialist. Ok, they are not real tyre specialists, they are called “punchers” and they fix tyres. Did you find a sharp stone, or a spike, and now the tyre is flat? No problem, stop the car, and surely you will find someone solving your problem in few minutes. He takes a punch, he gets it into the tyre with a piece of  rubber (that’s why “puncher”). He pulls out the punch, the rubber enlarges and the hole is closed, you can happily go away.
Theoretically, driving schools exist and sometimes we see little cars driving very slowly, with a big L (learner) on the back window. They seem out of the real world; as they drive constantly, respecting signs and rules, and they go straight, they suffer a huge amount of singing horns, and it is really nice to see how they cope with other drivers’ intimidations, driving steadily on the way of legality. Ok, when they obtain the license, they change, developing the worst behaviors.
What’s the meaning of that? We need a lot of time to reach every place we need. The average is 10km/h, unless we decide to travel during the ‘smart’ hours. So, going to the office before 8 am, being out before 5 pm, using the car during the indian lunch time (about 2 pm) or on Saturday early mornings (shops open from 10 am onwards). Or you need to be lucky. Or a smart driver, who takes secondary and unknown routes, gaining a lot of time and letting us live priceless adventures. But the amount of time we waste stuck in the traffic is always big. Every activity we decide, depends on traffic. Respecting the time of an appointment is a big challenge here, Indian people know it very well and they are really philosophical about this matter. What can we do in the traffic? We listen to the radio (naturally Indian), we chat with the driver, we observe this strange environment around us. Sometimes I sleep. Hot temperatures, fresh air inside, low movements.. I recline the seat.. and goodbye.

Vivere in India per molti versi è bello, ma ci sono anche alcune cose ‘pesanti da digerire’. Una di queste è il traffico.
In India la patente italiana non vale, si guida a sinistra come in Inghilterra e c’è un traffico infernale. Per motivi di sicurezza abbiamo l’autista.. quando, ce l’hanno detto non ci sembrava vero. E che sarà mai! Ma non potevamo immaginare.
Cosa si trova per strada? Un elenco non esaustivo comprende: automobili (“four wheeler”), rickshaws (“three wheeler”), moto (“two wheeler”), camion, autobus, carretti, biciclette, trattori, cani, mucche, persone. Non ci credi finchè non lo vedi.
Ogni mattina si parte da casa e può succedere di tutto. La città si è trasformata e si è espansa nel giro di pochissimi anni, quindi le infrastrutture cittadine non sono riuscite ad andare di pari passo con la quantità di edifici e di persone che si sono concentrate qui. Era una piccola città prevalentemente agricola, e l’atmosfera è rimasta un pò tale, nonostante ci vivano oggi quasi 9 milioni di abitanti e si trovino le sedi di tutte le multinazionali. Molte persone non sono ancora abituate a guidare in mezzo al traffico di città, alcuni non ne hanno neanche la capacità e vengono usati ancora tutti i tipi di veicolo disponibile. Le regole esistono, ma paiono più un suggerimento che una legge vera e propria. Stop, precedenze, semafori.. utopia. Contromano? Spesso è la regola, specialmente quando c’è una coda interminabile e si vuole andare a casa a tutti i costi. Ogni tanto si scassa un veicolo, che viene abbandonato a bordo strada in attesa di soccorsi, diventando così un ostacolo per tutti gli altri. Se si percorre un viale alberato od una strada secondaria, è molto facile trovare mucche in strada. Oltre ad essere sacre, sono anche delle proprietà private ambulanti, nessuno si permette di toccarle; quindi se te la trovi davanti (o contromano), non resta che aspettare che si sposti o cercare di cambiare corsia, ed il clacson di solito non fa nessun effetto.
Il clacson! E’ un continuo suonare, è il modo di comunicare degli indiani in macchina. Ti sto sorpassando, attento! Biiip! Togliti di mezzo! Biiip! Dammi la precedenza! Biiip! Muoviti che è verde! Biiip! Non attraversare! Biiip! Devo svoltare! Biiip! Passa prima tu! Biiip! E così via. E’ così utilizzato che sul retro di molti camion e veicoli è dipinta la scritta “Sound Horn OK” o “Horn Please OK”. Insieme a “Hand signal”, sono la colonna portante del traffico. Cioè quando serve, l’autista mette fuori la mano ed indica la svolta, a destra. Se deve svoltare a sinistra, la mano la mette fuori il passeggero. Se non c’è passeggero, è un casino. I veicoli con aria condizionata, come le auto degli expats e gli autobus di linea, non usufruiscono di questo segnale, quindi molte volte hanno un adesivo “No hand signal – AC vehicle”, che comunica al prossimo di fare, invece, attenzione alle frecce per le svolte.
Le strade alcune volte sono conciate proprio male. La città è un cantiere aperto, spesso si trovano interruzioni, buche, sterrato, pietre, ecc. Il traffico ne risente, molti tentano di evitare i problemi facendo un allegro zig-zag in strada. Le gomme e sospensioni non ringraziano e si è sviluppato in città un florido mercato, quello dei gommisti. Ok, non sono proprio gommisti, si chiamano “puncher” e riparano le gomme. Prendi un sasso appuntito, o un chiodo e ti si fora un pneumatico? No problem, ti fermi a bordo strada e sicuramente trovi qualcuno che in pochi minuti risolve il problema. Prende un punteruolo, lo infila nel buco insieme ad un pezzo di gomma (da qui “puncher”), lo estrae, la gomma si espande ed il buco è chiuso, puoi ripartire giulivo.
Teoricamente esistono le scuole guida, e a volte vediamo qualche piccola auto viaggiare lentamente nel traffico con applicata sul lunotto posteriore una grossa lettera L (learner). Sembrano dei pesci fuor d’acqua; siccome vanno a velocità costante, usano la segnaletica, vanno dritti e rispettano la maggior parte delle norme, si beccano una quantità di suonate di clacson incommensurabile, ed è divertente vedere come strenuamente non si facciano intimorire dagli altri autisti e percorrano imperterriti la via della legalità. Tranquilli, appena presa la patente si trasformano e fanno le peggio cose.
Cosa vuol dire tutto ciò per noi? Vuol dire che qualunque tragitto si debba percorrere, ci vuole molto tempo per effettuarlo. La media di percorrenza è di circa 10 km all’ora, a meno che non si decida di usufruire degli orari “intelligenti” per muoversi. Cioè uscire di mattina per andare al lavoro prima delle 8, uscire dall’ufficio prima delle 5, quando possibile muoversi all’ora di pranzo (indiano, quindi verso le due del pomeriggio) o di sabato mattina presto (i negozi aprono alle 10 e oltre). O avere fortuna. Oppure avere un autista scaltro ed intelligente, che, prevedendo il traffico, decida di prendere strade secondarie e sconosciute, risparmiando un bel pò di tempo e facendoci vivere, a volte, delle esperienze impagabili. Questo però non esime dal passare comunque molto tempo bloccati in un mare di veicoli, uno spreco di tempo incredibile. Quindi qualunque programma si faccia, bisogna sempre mettere in conto il fattore “traffico” e prevedere un pò di ritardo ogni giorno. Dare un orario preciso per un appuntamento e riuscire ad arrivare in orario qui è una sfida molto grande. Gli indiani lo sanno bene e la prendono con filosofia.
E cosa si fa se si rimane bloccati nel traffico? Si ascolta la radio (rigorosamente indiana), si fanno quattro chiacchere con l’autista, si guarda il mondo intorno. Io a volte dormo. Caldo, aria condizionata, macchina a passo d’uomo.. inclino il sedile e ciao, mondo.

Tales of the North: Taj Mahal

Standard

The second day of our trip to the North, we rented a car for the whole day to go to Agra and visit Taj Mahal. Same driver, older car, 30 minutes late. He even dared to say that it takes a long time to go to Agra and that we should have started earlier. It’s about 240 km journey from Jaipur to Taj Mahal and it takes 5 hours: 4 hours on a good highway in Rajasthan (or the closest to a highway you can get in India) and 1 hour for the last 15 km in Uttar Pradesh.
On the way, we saw some new types of vehicles: the camel-cart (actually driven by a dromedary), the zeppelin-truck so full that it was ready to fly or to break-down.

Il secondo giorno del nostro viaggio al nord, abbiamo affittato una macchina per tutto il giorno per andare ad Agra a visitare il Taj Mahal. Stesso autista, macchina piu’ vecchia, 30 minuti di ritardo. Ha anche avuto il coraggio di dirci che ci vuole molto tempo per arrivare ad Agra e che saremmo dovuti partire piu’ presto. Ci sono circa 240 km da Jaipur al Taj Mahal e ci vogliono 5 ore: 4 ore su una buona autostrada in Rajasthan (o la cosa piu’ somigliante a un’autostrada che si possa trovare in India) e 1 ora per gli ultimi 15 km in Uttar Pradesh.
Lungo il tragitto, abbiamo conosciuto alcuni nuovi tipi di veicoli: il carretto a cammello (che e’ piu’ precisamente un dromedario) e il camion-zeppelin, cosi’ pieno e gonfio che era pronto a prendere il volo o a rompersi.

Camel cart in Rajasthan

Camel cart

Zeppelin truck

Zeppelin truck

 

The driver stopped at a restaurant with shop.  The tourist coaches parked outside gave me a bad feeling from the beginning and I was right. Prices were at least 10 times the normal ones. For instance, a packet of cookies 200 INR instead of 15 INR. The shop had nice things, huge prices and was full of French tourists shopping happily and thinking everything was extremely cheap. Sorry, I’m Indian, it doesn’t work with me. We bought only cookies and water and continued the journey.

Travelling across Rajasthan was like travelling in a different world. Here and there, in the fields along the way, we could spot women wearing an orange or yellow veil on their head. The contrast of these almost fluo veils with the browns and greens of the country was startling. I’ve been told that Rajasthani women are extremely beautiful and they wear the veil so that men cannot see them. I think it’s also a clever way to protect themselves from the scorching heat of the sun.

Just before reaching Taj Mahal, we told the driver to stop when we saw a nice hotel on the street. We didn’t know the place but we didn’t trust the driver to choose for us again. He was disappointed but could not refuse. It turned out that appearances were not misleading. The hotel had a stylishly designed restaurant where we were the only customers. A very nice young waiter served us an excellent lunch and we were soon ready to start the visit.

 

L’autista si e’ fermato in un ristorante con negozio. Le corriere turistiche parcheggiate fuori mi hanno dato una brutta impressione e ho indovinato. I prezzi erano almeno 10 volte quelli normali. Per esempio, un pacchetto di biscotti costava 200 INR invece che 15 INR. Il negozio aveva cose carine, prezzi folli ed er pieno di turisti francesi contenti di fare shopping e convinti di fare ottimi affari. Spiacente, sono indiana, non funziona con me. Abbiamo comprato solo biscotti e acqua e abbiamo continuato il viaggio.

Viaggiare in Rajasthan era come essere in un altro mondo. Qua e la’, nei campi lungo la strada, si vedevano donne con veli gialli o arancioni sulla testa. Il contrasto di questi colori quasi fluorescenti con il marrone e il verde della campagna era impressionante. Mi hanno detto che le donne del Rajashtan sono molto belle e che portano quei veli per non essere viste dagli uomini. Credo che sia anche un modo intelligente di proteggersi dal sole cocente.

Appena prima di arrivare al Taj Mahal, abbiamo detto all’autista di fermasi in un bell’hotel. Non conoscevamo il posto, ma non volevamo che l’autista scegliesse ancora per noi. C’e’ rimasto male ma non ha potuto rifiutare. L’apparenza non ci ha ingannati. L’hotel aveva un ristorante stilosissimo tutto per noi. Un cameriere giovane e garbato ci ha servito un ottimo pranzo e dopo poco eravamo pronti a iniziare la visita.

 Taj Mahal entrance

When we arrived at the entrance of the Taj Mahal site, we had to get down and find another way to get to Taj Mahal. We were pestered by a swarm of rickshaw drivers and finally settled for a horse driven cart. The horse was named Babloo, as the driver mentioned many times. The first thing I learned about Taj Mahal was that food was not allowed. Our dearly bought cookies were taken by the security guards. I hope they enjoyed them. The second thing I learned was that the park is full of tiny squirrels. I almost stepped on them a few times.

Most people go straight to the main building, but we wandered in the park for some time. It must have been a wonderful and peaceful place when it was built, truly Paradise on earth, as it was designed. Seeing something so beautiful, long lasting and precisely executed in India is very surprising to me. Precision is a lost art here nowadays. When we were searching for a house, we saw a 3 years old apartment that looked 100 years old. Taj Mahal is about 400 years old and looks newer or maybe it looks eternal. We went all around it and I took many photos. It’s incredibly beautiful from every point of view.

Taj Mahal vertical

Quando siamo arrivati all’ingresso del sito del Taj Mahal, abbiamo dovuto scendere dalla macchina e trovare un altro modo per arrivare al Taj Mahal. Siamo stati infastiditi da uno sciame di autisti di riscio; e alla fine abbiamo scelto di andare con carretto trainato da un cavallo. Il cavallo si chiamava Bablu’, come ci ha ripetuto il padrone piu’ volte. La prima cosa che ho imparato sul Taj Mahal e’ stata che il cibo non e’ permesso. Le guardie ci hanno confiscato i nostri biscotti pagati a peso d’oro. Spero che se li siano goduti. La seconda cosa e’ stata che il parco e’ pieno di piccoli scoiattoli. Qualche volta ne ho quasi calpestato uno.

La maggior parte dei visitatori va direttamente all’edificio principale, ma noi ci siamo concessi una bella passeggiata per il parco. Deve essere stato un luogo meraviglioso e pieno di pace quando e’ stato costruito, un vero paradiso in terra, come era stato progettato. Vedere qualcosa di cosi’ bello, duraturo e eseguito con maestria e’ stato soprendente per me. La precisione e’ un’arte perduta al giorno d’oggi. Quando cercavamo vasa, abbiamo visto un appartamento di 3 anni che sembrava ne avesse 100. Il Taj Mahal ha circa 400 anni e sembra piu’ nuovo o forse sembra eterno. Abbiamo fatto il giro attorno e tante foto. E’ incredibilmente bello da tutti i punti di vista.

 Taj Mahal park

 

The interior of Taj Mahal is smaller than I had expected….luckily. Decorations were exquisite, a perfect space designed for spirituality and love. Photos were not allowed so I have none to share. However, most Indian tourists were taking photos, more of us than of the monument, which made me very upset. I don’t have a nice memory of those few minutes inside the building. It was overcrowded and the other visitors were very rude, pushed everyone and touched everything. I can’t help but thinking that people who behave like that should not be allowed to a public place, especially a historical site like that. The level of education and civilization in India is very low and I strongly perceive it when I’m in a crowded place. I wish everybody were as nice and educated as my colleagues, but unfortunately they are rare exceptions and are far above the average.

Eventually we left the site and found our cart driver waiting for us at the exit. We had to tip Babloo and then we were free to start our journey back to Jaipur.

Taj Mahal

L’interno del Taj Mahal e’ piu’ piccolo di quanto mi aspettassi…per fortuna. Le decorazioni sono splendide, uno spazio perfetto per la spiritualita’ e l’amore. Non era permesso fare foto, quindi non ne ho da condividere. Eppure la maggior parte dei turisti indiani faceva foto, piu’ a noi che al monumento, il che mi ha infastidita parecchio. Non ho dei bei ricordi dei pochi minuti passati nell’edificio. Era affollatissimo e gli altri visitatori erano molto maleducati, spingevano e toccavano tutto. Non posso fare a meno di pensare che gente che si comporta cosi’ non dovrebbe poter entrare in un luogo pubblico, specialmente in un sito storico come quello. Il livello di educazione e civilizzazione in India e’ molto basso e me ne rendo conto tantissimo nei luoghi affollati. Vorrei che fossero tutti carini e educati come i miei colleghi ma sfortunatamente loro sono rare eccezioni e sono molto al di sopra della media.

Alla fine siamo usciti e abbiamo trovato il nostro carretto che ci aspettava. Abbiamo dovuto dare la mancia a Bablu’ e poi siamo stati liberi di ripartire per Jaipur.

Tales of the North

Standard

We recently had two friends visiting us from Italy. We travelled together to Jaipur and Agra for a long weekend in the North of India. Jaipur is in Rajashtan, a land known for its beauty, historical places, traditional crafts and food. When we first arrived in Jaipur, from the airport to the hotel we saw a different city: wide streets, less traffic, no red sand everywhere and almost no garbage. We stayed in heritage hotel in Jaipur, a beautiful palace or “haveli” now used as a hotel. We arrived late and had dinner in the restaurant on the rooftop of our hotel, just in time before it closed.

Abbiamo avuto ospiti dall’Italia da poco. Siamo andati insieme a Jaipur e Agra per un lungo fine settimana nel nord dell’India. Jaipur e’ nel Rajasthan, una terra famosa per la sua bellezza, i luoghi storici, l’artigianato e il cibo. Quando siamo arrivati a Jaipur, dall’aeroporto all’hotel abbiamo visto una citta’ diversa: strade larghe, meno traffico, non c’era sabbia rossa ovunque e poca spazzatura. Abbiamo soggiornato in un hotel storico a Jaipur, un bellissimo palazzo o “haveli”, ora trasformato in hotel. Siamo arrivati di sera tardi e siamo riusciti a cenare nel ristorante sulla terrazza dell’hotel appena prima che chiudesse.

 

hotelJaipur

Our Hotel in Jaipur

The first day of our trip, we rented a car with a driver and visited the forts around Jaipur. Passing through the streets of the city, the driver mentioned that most shops sell bad quality stuff and proposed to take us to a textile shop where they sell good quality items….hmmm…not now, thanks, maybe later if we have time. The view of Amber fort (also spelt Amer fort) from the road below is wonderful: a big palace on the top of a hill, just above a lake. As soon as we reached Amber fort we had the opportunity of taking some photos of monkeys, and almost forgot that we were there to visit the fort.

Il primo giorno del nostro viaggio, abbiamo affittato una macchina con autista e abbiamo visitato i forti intorno a Jaipur. Attraversando la citta’, l’autista ci ha detto che nella maggior parte dei negozi vendono cose di bassa qualita’ e si e’ offerto di portarci in un negozio di tessuti e abbigliamento dove avremmo potuto trovare cose di buona qualita’…hmmm…non ora, grazie, forse dopo, se abbiamo tempo. La vista di Amber fort (o anche Amer fort) dalla strada sotto e’ fantastica: un grande palazo sulla cima di una collina, proprio sopra a un lago. Appena siamo arrivati abbiamo avuto la fortuna di fare delle foto alle scimmie e ci siamo quasi dimenticati che eravamo li’ per visitare il forte.

Monkeys at Amber Fort, Jaipur, Rajasthan

Monkeys at Amber Fort, Jaipur, Rajasthan

When we went to buy tickets, we discovered with pleasure that we can buy the “Indian” ticket by showing a copy of our residence permit. Everywhere there is a ticket for Indians and one for foreigners (at least 10 times more expensive). Being recognized as Indians feels good and saving a little bit of money is always nice…we come from Genova after all!
Amber fort was completely different from anything that I had ever seen. Shapes, materials, decorations, spaces, all was new to me. I was surprised to see that it is more of a palace than a real fort. We saw the hammam, strolled around the beautiful internal garden. We admired the marble columns and carvings, the wonderful galleries decorated with low relief made of mirrors and looked down to discover a stunning view of a garden in the middle of the lake below. This palace seems to come directly from “The book of a thousand nights and a night”.

Quando siamo andati a comprare i biglietti, abbiamo scoperto con piacere che possiamo comprare il biglietto per gli Indiani presentando una copia del permesso di soggiorno rilasciato dal FRRO. Ovunque c’e’ un biglietto per Indiani e uno per stranieri (almeno 10 volte piu’ caro). Essere riconosciuti come Indiani e’ piacevole e risparmiare un po’ fa sempre bene….in fondo veniamo da Genova!!
Amber fort era completamente diverso da qualunque posto che avessi mai visto. Forme, materiali, decorazioni, spazi, erano tutti nuovi per me. Sono rimasta sorpresa di scoprire che era un palazzo, piu’ che un forte. Abbiamo visto l’hammam, passeggiato intorno al bellissimo giardino interno. Abbiamo ammirato le colonne di marmo e le incisioni, le favolose gallerie decorate con bassorilievi fatti di specchi e abbiamo guardato giu’ e scoperto una vista mozzafiato del giardino in mezzo al lago sottostante. Questo palazzo sembra venuto fuori direttamente delle “Mille e una notte”.

Amber Fort Jaipur

Decorations Amber Fort

Garden Amber Fort Jaipur

During the day, the driver reminded us many times of the famous textile shop we didn’t care about. At the end of the day, strangely, we couldn’t find the time to visit it..what a shame!

Per tutta la giornata, l’autista ci ha ricordato innumerevoli volte del famoso negozio di tessuti che non ci interessava. Alla fine, stranamente, non ci e’ avanzato tempo di andare a vederlo…che peccato!

 …to be continued…

 

My Indian pantry – 2

Standard

Cleaning products

I can find both international and Indian brands in the cleaning section at the supermarket. Products are made or marketed for Indian needs, therefore they might work in a different way and what is written on the package sometimes looks unusual. Below is a photo of my laundry detergent. I doubt I will ever need to clean curry or milk tea stains but it makes me feel safer, just in case…

There are many types of soap bars for hand washing clothes; I couldn’t find Marseille soap, though. I really miss it. The soap bar I’m using now is blue. It claims to remove yellow stains but is as abrasive as sand paper and adds a blue stain that covers the yellow one, unless I rinse it immediately and abundantly, in which case only the yellow stain remains. It is in my never-buy-again list.

Dishwashers are uncommon in Indian homes and dishwasher powder is even more uncommon. We bought the only one we found it at the supermarket and later we discovered that the manufacturer can deliver it at home. In Italy, I would use some powder or a tablet and add a little bit of salt every now and then. Here, water is very hard, therefore I need:

  • a huge bag of special salt for softening water
  • detergent powder
  • rinse aid (a blue, stylish and unwholesome-looking liquid)

The dish liquid soap is my favorite. We bought a small bottle of it, manufactured by a famous international brand, while we were staying in a hotel at the beginning of the assignment. It is still not finished after almost a year and it works perfectly. I hope we find it when we go back to Italy.

 LaundryDetergent

Prodotti per la pulizia

Trovo sia marche internazionali sia indiane nella corsia dei prodotti per la pulizia al supermercato. I prodotti sono fatti o sono venduti per le necessita’ dei client indiani, percio’ possono funzionare in modo un po’ diverso e la scritta sulla confezione puo’ sembrare inusuale.
Qua sopra c’e’ una foto del mio detersivo per il bucato. Dubito che avro’ mai bisogno di rimuovere macchie di curry o te’ al latte, ma mi fa sentire un po’ piu’ sicura, non si sa mai…

Ci sono molti tipi di saponi a mano per il bucato. Non quello di Marsiglia purtroppo. Mi manca proprio. Il sapone che sto usando ora e’ blu. La confezione diceva che rimuove gli aloni gialli, ma e’ abrasive come carta vetrata e aggiunge una macchia blu che copre quella gialla, a meno che non si sciacqui subito e abbondantemente, nel qual caso rimane solo l’alone giallo. E’ nella mia lista non-comprare-MAI-piu’.

Le lavastoviglie sono poco diffuse nelle case Indiane e il detersivo per lavastoviglie ancora meno. Abbiamo comprato l’unico che abbiamo trovato al supermercato e poi abbiamo scoperto che il produttore della lavastoviglie puo’ consegnare il detersivo a casa. In Italia, userei un po’ di polvere o una pastiglia e aggiungerei un pochino di sale ogni tanto. Qui l’acqua e’ molto dura, quindi servono:

  • un grosso sacco di sale speciale per addolcire l’acqua
  • detersivo in polvere
  • aiutarisciaquo (una boccetta blu e stilosa che sembra tutt’altro che salutare)

Il detersivo liquido per piatti e’ il mio preferito. Abbiamo comprato una piccola confezione di una marca internazionale famosa quando eravamo ancora nel secondo hotel, all’inizio del nostro soggiorno in India. Non e’ ancora finite dopo quasi un anno e funziona perfettamente. Spero di trovare lo stesso tipo quando torniamo in Italia.

Speed

Standard

Many things are done slowly in India: walking, working, finishing something, watering the lawn (=transforming it into a lake)
Unexpectedly, other things are done very fast: talking, going up and down the stairs, eating.

I do them exactly the opposite way. Sometimes I feel I’m not as Indian as I like to think.


Molte cose si fanno lentamente in India: camminare, lavorare, finire qualcosa, innaffiare il prato (=trasformarlo in un lago)Inaspettatamente, altre cose si fanno molto velocemente: parlare, fare le scale, mangiare.

Io le faccio esattamente al contrario. A volte credo di non essere poi cosi’ indiana come mi piace pensare.

Weekend in Goa

Standard

Three weeks ago we spent four days in Goa, one of the smallest states of India, situated on the west coast. It is a place reachable in one hour by plane from Bangalore, so it is simple to go for few days and enjoy. They are very tourists-oriented. At the airport we simply booked a cab for the hotel, 40 km north from the airport. Many hotels are normally on the beach or just behind, so we could go to the beach every day with a pleasant and short stroll.
The regular day was: alarm at 7 am, two-three hours near the sea, breakfast and then touristic tours. Some time on the beach before the sunset, Indian-style dinner at the restaurant, relax. Sunbeams, sea, mango juice. We didn’t need more than that.

Sunset in Calangute beach

Sunset in Calangute beach


* We found many Indian couples on honeymoon and we learned that they can be easily recognized, because the lady wears about 15 to 20 cm of sparkly red bangles on both arms and they take photos all the time. There was a young couple at our hotel, who told us they came from the North of India. They looked as if they had never travelled all their life. They didn’t understand the menu and ate as if they had never been in a restaurant before, but they looked very sweet together, helping each other to eat. The first evening they were well dressed and sat at all free tables, asking the waiter to take photos. Then, they sat at all occupied tables with guests they didn’t know, to take photos with them as well. When it was our turn, the husband insisted that I should put my arm around his wife’s shoulders. He was very particular about it. The following evening, they appeared again, almost in night pajama, with a dejected expression. The husband showed me a collage of photos he took on the beach that day and told me he had lost a heavy gold chain that his mother in law had given him. These gold chains are huge, much beyond the limits of price and good taste. His mother in law might have saved for years and years to buy it. I wonder whether he is still alive.

Another big category of tourists in Goa are Russians. Many menus are written in English and Russian. There are Russian dishes available in restaurants and many many drinks. Our taxi driver told us that Russians are generally not liked in Goa, but they bring a lot of money, so they are tolerated. Drinking alcohol is seen very badly in India, it is accepted in Goa, but these tourists drink all the time, get drunk and sometimes violent. Some don’t pay the taxi and are too big to discuss with. They walk in the streets without clothes. If you consider that most Indians take a bath in the sea completely dressed, people wearing only a swimming suit in the village are really out of place.


 

We rented a car with a driver and we visited some places. First of all the capital city, Panjim. Fate decided to put in the same town, at the same time, also Andy, a Korean friend I got acquainted in Bangalore. We passed a pleasant lunch time with him and two Korean colleagues of his, immersed in pizza and spaghetti. That Portuguese town is very nice, full of coloured houses, narrow streets, gardens and the sea.

P1060962
Then Old Goa, where it is possible to find some christian churches, like the church of Saint Francis of Assisi.
And Fort Aguada, a well-preserved seventeenth-century Portuguese fort overlooking the Arabian Sea.
We spent one entire afternoon to visit a spice plantation, pleasant lunch and guided tour included, to see all the plants from which Indian (and not only Indian) spices are obtained. Finally we saw also the ananas plant, I’ve never imagined like that.
Breakfast on the beach, Russian people, stray dogs, tiny crabs on the shore just after the dawn. This is Goa.
Two nice episodes.
The first, an Indian friend strongly recommended to try a typical alcoholic drink of Goa, called Fenny, made from cashew nuts or coconut. When they gave to me at the restaurant, I discovered that the strange and mysterious drink was not more than… grappa!
The second, scamming trial. When we arrived in Benaulim, south Goa, we stopped to a bar to drink something before reaching the hotel. We were near the hotel but we didn’t know exactly where it was, so we asked to a rickshaw’s driver the price from there to the hotel. When he spat it out, the barman turned pale saying in the local language “Are you crazy?”. A clear, understandable, expression.  Ten times the normal price for 1 km. He kindly asked to me “ok?”. I kindly replayed “no, thanks, we go on foot”. “Why?”. “Because I know the real price, we live in Bangalore, not on the moon”. Check.

MG Road

 

Tre settimane fa abbiamo passato quattro giorni a Goa, uno dei più piccoli stati dell’India, situato sulla costa ovest. E’ un posto raggiungibile in un’ora di aereo da Bangalore, quindi è molto semplice andarci per qualche giorno e divertirsi. Là sono molto orientati al turismo. All’aeroporto abbiamo preso semplicemente un taxi per l’hotel, 40 km a nord dall’aeroporto. Molti hotel sono sulla spiaggia normalmente o appena alle spalle, quindi potevamo andare in spiaggia tutti i giorni facendo una breve, piacevole passeggiata.
Il giorno classico era: sveglia alle 7, due – tre ore vicino al mare, colazione e poi giretti turistici. Un pò in spiaggia prima del tramonto, cena in stile indiano al ristorante dell’albergo, relax. Raggi di sole, mare, succo di mango, Non avevamo bisogno di molto altro.


* Abbiamo trovato molte coppie indiane in luna di miele e abbiamo capito che si possono riconoscere facilmente, perche’ la moglie indissa circa 15-20 cm di braccialetti rossi sparluccicosi su entrambe le braccia e non smettono un attimo di fare foto. C’era una coppia di sposi giovanissimi nel nostro hotel, che venivano dal nord dell’India. Sembrava che non avessero mai viaggiato in vita loro. Non capivano il menu e mangiavano come se non fossero mai stati in un ristorante, ma erano molto teneri insieme mentre si aiutavano a mangiare a vicenda. La prima sera erano ben vestiti e si sono seduti a tutti i tavoli liberi, chiedendo al malcapitato cameriere di fare loro innumerevoli foto. Poi hanno cominciato a sedersi anche a tutti i tavoli occupati, per fare foto anche con gli ospiti, che ovviamente non conoscevano. Quando e’ stato il nostro turno, il marito ha insistito che mettessi il braccio attorno alle spalle della moglie. Ci teneva proprio. La sera dopo, sono riapparsi, quasi in pigiama, con l’aria abbattuta. Il marito ci ha mostrato un collage di foto fatte in spiaggia quel giorno e ha detto che aveva perso in mare una grossa catena d’oro che la suocera gli aveva regalato. Queste collane d’oro sono enormi, molto oltre i limiti del prezzo e del buon gusto. Sua suocera avra’ risparmiato anni e anni per comprarla. Mi chiedo se sia ancora vivo.

Un’altra grossa categoria di turisti a Goa sono i Russi. Molti menu nei ristoranti sono scritti in inglese e russo. Ci sono piatti russi nei menu e molti molti alcolici. Il nostro tassista ci ha detto che i russi non piacciono molto agli abitanti di Goa, ma portano tanti soldi, quindi sono tollerati. Bere alcolici e’ visto molto male in India, e’ accettato a Goa, ma questi turisti bevono tutto il giorno, si ubriacano e a volte diventano violenti. Certi non pagano il taxi e sono troppo grossi per discuterci. Vanno per strada senza vestiti e, se si considera che buona parte degli indiani fanno il bagno completamente vestiti, gente che va in giro per i villaggi solo in costume e’ proprio fuori posto.


 Affittata una macchina con autista, abbiamo visitato alcuni posti. Prima di tutto la capitale, Panjim. Il destino ha voluto mettere nella stessa città, allo stesso tempo, anche Andy, un amico coreano conosciuto a Bangalore. Abbiamo passato un pranzo molto piacevole con lui e due suoi colleghi, sommersi da pizza e spaghetti. Quella cittadina portoghese è molto carina, piena di case colorate, stradine, giardini ed il mare.
Quindi la Vecchia Goa, dove è possibile trovare alcune chiese cristiane, come quella di San Francesco di Assisi.
E Forte Aguada, forte portoghese del diciassettesimo secolo, ben conservato, che affaccia sul Mare Arabico.
Abbiamo passsato un intero pomeriggio a visitare una piantagione di spezie, con piacevole pranzo e visita guidata inclusi, per vedere tutte le piante da cui si ricavano le spezie indiane (e non solo indiane). Finalmente abbiamo visto anche la pianta dell’ananas, non avrei mai immaginato fosse così.
Colazione sulla spiaggia, turisti russi, cani randagi, minuscoli granchi sul bagnasciuga appena dopo l’alba. Questo è Goa.
Due episodi simpatici.
Il primo, un amico indiano si è caldamente raccomandato di assaggiare una bevanda alcolica tipica di Goa, chiamata Fenny, ottenuta dagli anacardi o dal cocco. Quando me l’hanno portata al ristorante, ho scoperto che questa strana e misteriosa bevanda non era altro che… grappa!
La seconda, il tentativo di truffa. Quando siamo arrivati a Benaulim, sud Goa, ci siamo fermati in un bar a bere qualcosa prima di arrivare all’hotel. Eravamo vicini anche se non sapevamo esattamente dove fosse, così abbiamo chiesto ad un autista di risciò il prezzo per andare da là all’hotel. Quando ha sputato il prezzo, il barman è impallidito e ha esclamato nella lingua locale “ma sei matto?”. Una espressione chiara, capito al volo. Dieci volte il prezzo normale per fare 1 km. Mi ha chiesto sorridente “ok?”. Io ho risposto sorridente “no, grazie, andiamo a piedi”. “Perchè?”. “Perchè conosco il prezzo vero, abitiamo a Bangalore, mica sulla luna”. Scacco.


* Added by Manuela/Aggiunto da Manuela